L’influenza è un nemico che si può vincere (anche – e mai “solo” – con la Natura)

L’ influenza, malattia infettiva acuta causata dall’omonimo virus dell’influenza, è una sindrome che interessa soprattutto le vie respiratorie, attraverso le quali riesce ad infettare l’organismo causando, in diverse combinazioni, febbre, tosse, mal di gola, rinorrea, dolori muscolari e articolari, mal di testa, fatica, vomito e nausea.

Diffusa in epidemie annuali, l’influenza solitamente si presenta durante la stagione invernale, costringendo ciclicamente milioni di persone a letto: sola la scorsa settimana in Italia sono stati registrati 800 mila nuovi casi che ricadono nell’epidemia 2017/2018, caratterizzata da un ceppo molto resistente (dalla durata di 8-10 giorni) che esordisce con febbri elevate e che, dopo un paio di giorni di attenuamento, si ripresenta e permane per altri due/tre giorni.

Anche se il picco dell’influenza 2017/2018 verrà raggiunto da qui a qualche giorno, è ancora possibile arginare la sindrome per coloro i quali hanno resistito finora: bastano piccoli accorgimenti di igiene ed alimentazione, et voilà, per questo inverno rimarrete indenni! Per quelli che invece fanno parte della schiera degli ”infettati”, Orto in Tasca propone qualche rimedio per alleviare i sintomi influenzali accompagnando i medicinali convenzionali con una corretta alimentazione.

Per combattere l’influenza, devi fare in modo che il tuo corpo diventi un soldato.

Un sistema immunitario debole e una dieta sbilanciata, ovvero carente dei nutrienti principali per l’organismo, sono i peggiori alleati per la lotta contro il male di stagione. Allo stesso modo, anche lo stress, come riferito da Laurel Mellin, professoressa della University of California a San Francisco e fondatrice di EBT, e la mancanza di sonno, come individuato da uno studio dell’Harvard Women’s Wealth Watch, possono acuire ulteriormente i sintomi influenzali e compromettere il sistema immunitario.

Per questo motivo, mangiare cibo sano, organico e di stagione, come mele, cavoli o broccoli, così come dormire regolarmente e in modo sereno, sono i pilastri che dovresti seguire per rafforzare il tuo organismo e continuare ad evitare il contagio influenzale. Anche l’esercizio fisico, secondo Michael Flynn, ricercatore presso la Purdue University, potrebbe avere un impatto positivo sul tuo sistema immunitario: basterebbero 30 minuti di allenamento ad intensità medio-alta per 3 o 4 volte alla settimana per stimolare positivamente le difese del tuo organismo, rendendole reattive ed efficienti come soldati allenati.

Ugualmente, anche l’ossigeno e la vitamina D, che possono essere immagazzinati durante una regolare camminata all’aria aperto, fungono da alleati per un organismo più forte e resistente. Infatti, se da una parte l’ossigeno è ciò che respiriamo per mantenerci in vita, dall’altra la vitamina D risulta cruciale per l’attivazione del nostro sistema immunitario: senza di essa, i linfociti T non sarebbero in grado di reagire e combattere le infezioni più gravi che minacciano l’organismo.

Ma se il danno ormai è fatto?

Se sei malato, rimani a casa: non solo perché tu possa riprendere appieno le tue forze, ma anche per coloro i quali non sono ancora stati esposti al virus e desiderano rimanere tali!

Pensa per esempio ai tuoi colleghi: non è forse meglio che sia assente solo un lavoratore, piuttosto che vi sia un intero ufficio decimato dal tuo stakanovismo e dalla tua fetente influenza?

Se però proprio non puoi trattenerti in “quarantena”, cerca almeno di seguire queste due regole di igiene, ovvero quella di coprirti la bocca con un fazzoletto (possibilmente usa-e-getta) quando starnutisci e quando tossisci, e quella di lavarti spesso le mani con il sapone: in questo modo limiterai il proliferare dei tuoi batteri e arginerai le possibilità di contagio.

Inoltre, è importante che tu non ti scordi di seguire un’alimentazione idonea al tuo (pessimo) stato di salute. Infatti, il tuo sistema immunitario ha ora più che mai bisogno di energie per combattere il virus, senza contare che alcuni alimenti e rimedi casalinghi potrebbero addirittura offrirti un certo grado di sollievo da sintomi influenzali come tosse e raffreddore o mal di testa e dolori articolari.

Alleati con la Natura per combattere l’influenza.

Nel trattamento della tosse, bevande calde come camomilla o tisana, specialmente se di eucalipto o menta, possono risultare calmanti. Nel caso di mal di gola o raffreddore sono invece molto indicati sia il miele (di eucalipto, Manuka o Sulla) che la cannella, entrambi in grado di rafforzare le difese immunitarie e di contrastare l’infiammazione in atto grazie alle loro proprietà emollienti, balsamiche ed antisettiche.

Per il mal di testa sono consigliati la curcuma e l’infuso di salice, i quali contengono naturalmente lo stesso principio attivo dell’aspirina, ovvero l’acido acetilsalicilico. Contro i dolori articolari e la spossatezza muscolare è possibile utilizzare l’artiglio del diavolo, ma anche il cioccolato fondente, l’estratto di guaranà e il ginseng.

Per combattere l’infezione con i primi sintomi della malattia, l’estratto di echinacea può essere un ottimo alleato: derivato da una pianta nota per le sue proprietà immunostimolanti, esso ha un forte potere disinfiammante per le vie respiratorie e può essere assunto in pastiglie e tintura, oppure sottoforma di the.

L’aromaterapia internazionale suggerisce come supporto contro l’influenza l’olio balsamico di origano per le sue proprietà antivirali, fluidificanti e antibatteriche: basterebbero una o due gocce in poco miele per due volte al giorno o un infuso dei suoi fiori per ottenere un ottimo risultato. Anche oli balsamici come quello di menta piperita o franchincenso, che a differenza di quello di origano possono venire a contatto con la pelle, sono notoriamente utilizzati per stimolare il sistema immunitario.

Mangia che ti passa.
Se sei malato, la regola per la tua alimentazione di tutti i giorni non cambia: mangia leggero e scegli alimenti facilmente digeribili. Nella tua condizione, prediligi zuppe e brodi caldi di carne magra, come il pollo, e spezie come peperoncino, aglio e timo, in grado disinfettare e liberare le vie aeree. Fai il pieno di vitamine e sali minerali cucinando spinaci, cipolla, verza, cicoria, ravanelli, carote e broccoletti e mangiando frutta fresca, come kiwi, clementine e arance.

Fai incetta di antiossidanti ed omega-3 mangiando anche frutta secca col guscio (ad esempio noci, mandorle e anacardi) e consuma alimenti ricchi di probiotici, come lo yogurt, al fine di ripristinare la tua naturale flora batterica. Tra le proteine prediligi sempre carne magra, ovvero carni bianche, pollame o pesce.

Non dimenticare poi di idratarti: bevi approssimativamente 2 litri di acqua fresca durante la giornata e consuma the verde o nero, che sono potenti antiossidanti, o allo zenzero, che è un formidabile antisettico. Se ti è difficile respirare, scalda dell’acqua e aggiungici un cucchiaio di miele e della cannella: questo piccolo rimedio ti aiuterà naturalmente a sciogliere il muco e a mantenerti idratato.

Follow me

Alessia Sofia Giorgiutti

23 anni, viaggiatrice instancabile laureata in Scienze Internazionali e Diplomatiche, ha acquisito la sua esperienza negli ambiti della comunicazione e della produzione creativa direttamente su campo, tra Italia, Finlandia, Regno Unito e U.S.A. Ad oggi si occupa di elaborazione e traduzione di contenuti scritti per imprese italiane e lavora come consulente social media per le campagne socio-politiche EU Neighbours East e #EU4Energy della Commissione Europea per conto della compagnia di ricerca e consulenza economica Ecorys.

Per contatti: alessia.s.giorgiutti@outlook.com
Avatar
Follow me

Latest posts by Alessia Sofia Giorgiutti (see all)

Chiudi il menu